Samanta K. Milton Knowles

Traduttrice editoriale SV>IT, DA>IT, EN>IT specializzata in letteratura infantile, YA e thriller

La tredicesima estate

La tredicesima estate di Gabriella Sköldenberg, Beisler editore, 2022.

“Sandra mi donava i mesi estivi come se fossero un regalo.

Certo, avrebbe sempre avuto un anno più di me, ma avremmo comunque considerato nostra ogni estate – la decima, l’undicesima e la dodicesima. Quanto le volevo bene in quelle settimane in cui mi permetteva di stare al suo pari.

Non sapevo ancora che la tredicesima estate sarebbe stata l’ultima.”

Le cugine Angelica e Sandra, nate lo stesso giorno con un anno di differenza, non potrebbero essere più diverse. Tuttavia, nelle estati passate dal nonno sono inseparabili: il mondo intero è ai loro piedi e le due ragazze sguazzano nella libertà. “La tredicesima estate”, però, Sandra, la più grande e irrequieta, è cambiata. Cosa si nasconde sotto la sua apparente placidità? E cosa sarà costretta a fare e ad accettare Angelica, la più piccola, per continuare ad avere la sua amicizia?

Età di lettura: dai 13 anni.

Acquistalo qui

Gabriella Sköldenberg  © José Figueroa

Per sentire Gabriella Sköldenberg parlare del suo libro in un’intervista da parte di Rai Cultura, cliccate qui:

Parola d’ordine Geiger

Parola d’ordine Geiger di Gustaf Skördeman, trad. Alessandro Borini e Samanta K. Milton Knowles, Rizzoli 2022.

Una telefonata attesa per quarant’anni. Un intrigo internazionale. La prima indagine di Sara Nowak.

In piedi sui gradini dell’ingresso di casa, Agneta saluta le figlie e i nipoti che salgono in macchina per tornare a Stoccolma. È stata una bella giornata in famiglia, una delle tante. Lo squillo del telefono interrompe la scena. Agneta solleva il ricevitore del vecchio apparecchio fisso nello studio, e all’altro capo una voce maschile dice una sola parola: Geiger. Dopo un attimo di esitazione, Agneta sale in camera da letto per riscendere in salotto con una pistola in mano. Stellan, l’uomo con cui è sposata da una vita, sta leggendo un libro sulla sua poltrona. Gli si avvicina lentamente, senza far rumore. Punta la pistola all’altezza della testa. Spara. Per la polizia l’omicidio di Stellan Broman, popolarissimo anchorman della tv svedese negli anni Settanta e Ottanta, ha tutta l’aria di una rapina finita male. Intanto, di Agneta Broman si sono perse le tracce. Il caso non sarebbe di competenza dell’agente Sara Nowak, che però è cresciuta a stretto contatto con la famiglia della vittima ed è pronta a sfidare il regolamento pur di fare luce sulla tragedia. Scoprirà a sue spese di essersi infilata in un labirintico gioco di spie che attende da quarant’anni un vincitore. Un intreccio di avvenimenti nel fitto del quale si nascondono misteri irrisolti fin dai tempi della Guerra fredda, ma anche verità sconcertanti sulla sua stessa infanzia.

Acquistalo qui

Gustaf Skördeman – © Benjamin Thuresson

Le portatrici

Le portatrici di Jessica Schiefauer, Fandango, 2022.

Quando il Covid ci ha colpito nella primavera del 2020, Jessica Schiefauer aveva già consegnato il suo romanzo su cui lavorava da più di un decennio. Ambientata in un mondo postpandemico, si narra la storia di Nikki e della sua compagna Simone.

Il Morbo ha devastato il loro mondo per generazioni, e ha costretto la popolazione a separarsi secondo linee di genere: la società è riservata alle donne, note come “portatrici”, mentre gli uomini, i “diffusori” della malattia, sono tenuti in quarantene a prova di fuga.

Se una portatrice entra in contatto fisico con un diffusore, la malattia si sviluppa nei corpi di entrambi causando la morte della portatrice nel giro di quarantotto ore.

Il diffusore va incontro alla stessa sorte, ma viene anche colto da un folle bisogno di fecondare più portatrici possibile prima di morire.

In una città chiamata Irisburg nel continente scandinavo, Nikki e Simone condividono una vita tranquilla e felice insieme. La loro è una società in cui le cittadine del mondo possono stabilirsi dove vogliono.

Mangiare carne è ormai impensabile e il dibattito politico ruota attorno al modo migliore per gestire le risorse limitate della Terra. Invece del lavoro, le portatrici effettuano un numero limitato di ore di servizio ogni settimana. E in cambio del contributo alla democrazia con il voto, ricevono un’unità abitativa e un buono vita.

Ma quando Simone decide di avere una bambina, tutto cambia. Tutto ciò che Nikki pensava di sapere sulla sua partner, sul suo mondo e su sé stessa è capovolto.

Le portatrici apre una finestra su una società radicalmente diversa, dove i sistemi politici ed economici di oggi sono stati relegati al passato e sostituiti da una visione eco-femminista che a prima vista sembra più luminosa, più verde, più giusta, un mondo immaginario plasmato dal Morbo ma anche da nuove tecnologie, modalità di trasporto e metodi di riproduzione, completo di un proprio vocabolario.

Eppure le cose non sono come sembrano e Nikki scopre il lato oscuro della sua società.

In questo mondo rivoluzionato, le portatrici lottano ancora con i concetti umanissimi di amore, tolleranza e desiderio, paura, violenza e potere.

Acquistalo qui

Di Jessica Schiefauer ho tradotto anche il romanzo YA Girls, pubblicato da Feltrinelli nel 2016.

Tempo di libri, Milano 2017 – © Chiara Pasqualini

“Si parla di emozioni ataviche che riguardano sfere universali: il linguaggio, la percezione del proprio corpo, il desiderio (o non desiderio) di maternità, le relazioni interpersonali, la paura del diverso.Poi c’è tutto il livello sociale, di gestione della collettività, di questo mondo organizzato in maniera così diversa rispetto a quello che viviamo ogni giorno.”

Il resto delle mie impressioni lo trovate qui:

Per sentire l’autrice stessa parlare del proprio libro:

Jessica Schiefauer parla (in inglese) del suo romanzo distopico “Le portatrici”

Il mio cuore ride e saltella – finalista al Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021 categoria 6+

Il mio cuore ride e saltella di Rose Lagercrantz ed Eva Eriksson è approdato alla terzina finalista al Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021 nella categoria 6+ con la seguente motivazione:

Dani ha tante cose che la rendono felice: andare a trovare Frida, per esempio, e giocare con lei alle scimmie sull’albero; i criceti Fiocco e Neve; gli amici di scuola. Ma quando due compagne la riempiono di pizzichi e lei si difende, succede un bel guaio. Per fortuna c’è il papà, che sa sempre come prenderla. E poi, Dani lo sa: nella sua vita felice, le belle sorprese non mancano mai!

Al minuto 01:48 Il mio cuore ride e saltella

La premiazione, condotta da Loredana Lipperini nell’ambito di Più Libri Più Liberi 2021, è stata un momento davvero emozionante della mia carriera. Potete rivederla qui:

Al minuto 32:45 e al minuto 38:00 si parla di “Il mio cuore ride e saltella”

Il maglione di Natale

Il maglione di Natale di Cecilia Heikkilä, Marameo Edizioni, 2021

È inverno. Il gatto Fransson vive in una scatola di cartone ai margini di una piccola città. Fa molto freddo ma, fortunatamente, un bel maglione morbido e lanoso lo tiene al caldo.

Improvvisamente, durante una delle sue passeggiate mattutine, il maglione si disfa diventando un unico filo di lana che guizza tra i vicoli e sui tetti della città.

Fransson segue il filo: dove lo porterà?

Età di lettura: da 4 anni.

Acquistalo qui (link affiliato)

La Ester più Ester del mondo

La Ester più Ester del mondo di Anton Bergman, ill. Emma AdBåge, Beisler 2021.

È arrivata una nuova bambina nella classe di Signe.

Si chiama Ester ed è diversa da tutte le altre. Ha un cellulare tutto suo, le chiavi di casa e fa la spesa da sola…

Certe volte però si comporta in modo strano e fa cose sbagliate. E quello che dice è realmente vero?

Età di lettura: da 8 anni.

Acquistalo qui (link affiliato)

Dal blog Lettura candita:

“Accanto al piacevolezza data da un testo asciutto, nella traduzione di Samanta K. Milton Knowles, ci sono i disegni bellissimi di Emma Adbåge che dimostra ancora una volta di saper riassumere nel suo implacabile segno a matita, le imperfezioni umane e nello stesso tempo la loro essenza più profonda. Perfetta per raccontare bambini e grandi nei loro gesti, nelle loro relazioni reciproche: basterà godersi la scena in cui un’insegnante ha appena beccato una bambina con due fette di torta che le pendono dalle mani, oppure quando una mamma rianima un gattino appena nato. E la Adbåge è altrettanto perfetta per raccontare come sono davvero le case normali, i loro tavolini e i loro i pavimenti: e per queste basterà godersi tutte le altre figure.”

Per leggere la recensione intera clicca qui.

Il 6 dicembre 2021 ne parlerò a Più Libri Più Liberi

Mostri in terapia

Mostri in terapia di Jenny Jägerfeld e Mats Strandberg, ill. Elin Sandström, trad. Valeria Gorla e Samanta K. Milton Knowles, il Saggiatore, 2021.

Notti gelide a Stoccolma, notti da menti malate. Una psicologa scompare all’improvviso. La polizia indaga sul caso a partire dagli appunti segreti delle sue sedute. I nomi dei pazienti? Dottor Jekyll, Carmilla, Victor Frankenstein, Dorian Gray.

Lettere, annotazioni, ritagli di giornale, tracce da seguire e interpretare: riuscirai, lettore, a risolvere l’enigma?

Esimia dottoressa,
l’orario da voi proposto va benissimo. Se si presenta un certo Sig. Hyde non lasciatelo entrare; vi spiegherò meglio durante la nostra seduta.
Con stima,
dott. Henry Jekyll

Acquistalo qui (link affiliato)

Jenny Jägerfeld e Mats Strandberg

La famiglia Sgraffignoni. Il diamante d’oro

La famiglia Sgraffignoni. Il diamante d’oro di Anders Sparring e Per Gustavsson, Sinnos 2021

In città è arrivato il brillantissimo e preziosissimo diamante d’oro e la Famiglia Sgraffignoni ha già un piano: papà Mariolo e mamma Fia sono pronti per il grande colpo. Ma Paul Iziotto è sulle loro tracce…

Fausto, Ale e Sbirro, il cane, corrono in prigione per far evadere nonna Sgraffignoni: solo lei può aiutarli!

Età di lettura: da 7 anni.

Acquistalo qui (link affiliato)

Non perderti il primo libro dedicato alla famiglia Sgraffignoni: Il furto di compleanno.

Intervista su Creatura della notte – Tabula Rasa del 14.10.2021 – Radio Onda Rossa

Il 14.10.2021 sono stata intervistata a Tabula Rasa, la trasmissione sui libri di Radio Onda Rossa, per parlare di Creatura della notte di Hanna Gustavsson.

Trovate l’intervista qui, al minuto 34:28: https://www.ondarossa.info/newstrasmissioni/tabula-rasa/2021/10/tabula-rasa-032121

☆ La traduttrice Samanta K. Milton Knowles per “Creatura della notte” di Hanna Gustavsson, edito da Fandango Libri. Creatura della notte è la storia di un’adolescenza turbolenta e faticosa, di ricerca della propria identità, di scoperta della sessualità e d’amicizia.

Pippi scappa di casa

Pippi scappa di casa di Astrid Lindgren, ill. Fabian Göranson, Nord-Sud Edizioni, 2021

Per Pippi Calzelunghe le avventure non finiscono mai!

Pippi Calzelunghe è la più strana e irresistibile delle bambine. Sempre in cerca di avventure, Pippi non ha paura di niente. Nemmeno di scappare di casa insieme a Tommy e Annika, i suoi migliori amici, stufi di obbedire alla loro mamma.

E così, in una bella giornata di sole, i tre organizzano una rocambolesca fuga in sella al cavallo di Pippi. In giro per il mondo li aspettano mille avventure: un viaggio in botte tra le rapide di un fiume e una montagna altissima da scalare, tante fragoline da raccogliere nel bosco e un toro inferocito da placare.

Per la prima volta in un volume a fumetti, scritto da Astrid Lindgren e illustrato da Fabian Göranson, torna in libreria l’eroina più amata da generazioni di lettori, simbolo di anticonformismo e libertà.

Fabian Göranson – © Kajsa Göransson

Età di lettura: da 7 anni.

Acquistalo qui (link affiliato)

Di Astrid Lindgren ho anche curato l’edizione integrale e definitiva italiana di Pippi Calzelunghe, pubblicata da Salani nel 2020 in occasione del 75° anniversario della prima pubblicazione del romanzo; l’albo illustrato Conosci Pippi Calzelunghe?, pubblicato da Nord-Sud edizioni nel 2020; a più mani, le due raccolte di racconti Greta Grintosa e Peter e Petra, pubblicate da Iperborea nel 2017 e nel 2018. Ho inoltre curato Tutto dormirà, illustrato da Marit Törnqvist e pubblicato da Camelozampa nella traduzione poetica di Chiara Carminati.

« Articoli meno recenti