Verità occulte di Kristina Ohlsson, Salani, 2021.

«Dov’è Mio?» Questa domanda ossessiona l’avvocato Martin Benner. È stato trascinato nella ricerca di un bambino di quattro anni, Mio, contro la sua volontà e, nel frattempo, ha un altro grosso problema da risolvere: capire chi sta cercando di incastrarlo per un omicidio che non ha commesso. Come se non bastasse, gli investigatori gli stanno addosso, forti di prove e testimonianze che non dovrebbero avere, e Martin non ha più tempo. Intanto i cadaveri continuano ad ammucchiarsi uno sull’altro. Tutti quelli a cui Benner ha raccontato la sua storia iniziano a morire, uno dopo l’altro. Ormai non può fidarsi di nessuno e gli indizi conducono nella direzione più assurda. Pian piano si fa strada un’ipotesi: l’assassino e il rapitore potrebbero essere la stessa persona e Martin capisce che non è più possibile salvare sia se stesso che Mio, dovrà scegliere.

Verità occulte è un romanzo che va a mille all’ora, con personaggi dalle sfaccettature misteriose e un’impressionante quantità di segreti da svelare, gestita con grande eleganza e maestria da Kristina Ohlsson, la regina del crime scandinavo.

«Kristina Ohlsson è l’astro nascente del crime scandinavo» – The Sunday Times

«Incredibilmente ricco di suspense e con un finale inaspettato» – Westdeutsche Allgemeine Zeitung

«Kristina Ohlsson ha creato un insieme di personaggi straordinari al servizio di una trama eccezionale» – Huffington Post

«Un thriller che arriva nei più oscuri meandri della società» – The Telegraph

Di Kristina Ohlsson ho tradotto anche Bugie sepolte, il primo libro su Martin Benner.

Acquistalo qui (link affiliato)

Kristina Ohlsson – © Anna-Lena Ahlström